Carnevale di Oruro

Carnevale di Oruro

La città di Oruro, situata a un'altitudine di 3,700 metri tra le montagne della Bolivia occidentale e un tempo luogo cerimoniale precolombiano, fu un'importante area mineraria nel XIX e XX secolo.

Reinsediato dagli spagnoli nel 1606, continuò a essere un luogo sacro per il popolo degli Uru, che spesso percorreva lunghe distanze per eseguire i loro rituali, in particolare per il festival Ito principale.

Gli spagnoli vietarono queste cerimonie nel diciassettesimo secolo, ma continuarono sotto le spoglie della liturgia cristiana: gli dei andini erano nascosti dietro le icone cristiane e le divinità andine divennero i santi. Il festival Ito è stato trasformato in un rito cristiano, celebrato a Natale (2 febbraio). Il tradizionale lama lama o diablada in adorazione del dio Uru Tiw divenne la danza principale al Carnevale di Oruro.

a differenza di Carnevale a Rio dove Scuole di samba scegli un nuovo tema ogni anno, il Carnevale di Oruro inizia sempre con il diablada o danza del diavolo. Il diablada è un rituale secolare sopravvissuto invariato dai giorni coloniali.

Carnevale di Oruro

Il Carnevale, che si svolge ogni anno, dura dieci giorni e dà origine a una panoplia di arti popolari espresse in maschere, tessuti e ricami. L'evento principale del Carnevale è la processione o entrada.

Durante la cerimonia, i ballerini percorrono i quattro chilometri del percorso processionale e ripetono il viaggio per un'intera venti ore senza interruzione. Più di 28,000 ballerini e 10,000 musicisti organizzati in circa 50 gruppi prendono parte alla processione che mostra ancora molte caratteristiche risalenti a rappresentazioni misteriose medievali.

Carnevale di Oruro Bolivia

Il declino delle attività minerarie e agricole tradizionali sta minacciando la popolazione di Oruro, così come la desertificazione dell'altopiano andino, che sta portando a una massiccia emigrazione. L'urbanizzazione ha dato origine all'acculturazione nonché a un divario generazionale crescente. C'è anche uno sfruttamento finanziario incontrollato di questo Carnevale.

Sebbene i riferimenti alla conquista spagnola e allo stato oppresso dei contadini boliviani siano molto chiari, questo festival si basa sulla cerimonia pre-coloniale di ringraziamento alla madre terra Pachamama. Commemora le lotte del bene e del male e i primi sacerdoti cattolici gli permisero di continuare con una sovrapposizione cristiana nel tentativo di pacificare i nativi locali.


lascia un commento

Si prega di notare che i commenti devono essere approvati prima della pubblicazione